Matteo Renzi e IMU 2016: molti consensi


inserito da todayonline in data 27-07-2015


La decisione del presidente del consiglio Matteo Renzi di abolire le imposte IMU e TASI sulla prima casa a partire dal prossimo 2016 ha preso molti consensi da molti lati.
Primo fra tutti il Presidente dell’Immobildream Roberto Carlino, che non appena sentita la notizia ha subito dimostrato il proprio apprezzamento nei confronti della manovra progettata da Renzi, porgendogli i suoi complimenti: “Questa decisione del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’abolire le imposte sulla prima casa degli italiani metterà sicuramente la parola fine alla crisi del settore immobiliare che già mostrava dei piccoli segnali di ripresa dovuti in particolare a prezzi sicuramente vantaggiosi e a tassi di mutuo mai così convenienti, dati questi che uniti all’eliminazione delle imposte sulla prima casa “ la tassa vessatoria più odiata dagli italiani” faranno ripartire il mattone che vuol dire automaticamente far ripartire l’economia generale italiana.” Ma la decisione del Presidente Renzi è accolta con favore dalla Borsa. I titoli immobiliari infatti si muovono tutti in rialzo, con l’indice di settore che sale dell’1,3%. L'impegno del Governo ha evidentemente alimentato la fiducia per una ripresa generalizzata del mercato. I rialzi sono stati agevolati anche dalla natura 'sottile' di alcuni titoli, in grado di prendere il largo con pochi ordini in acquisto. Tra gli esperti del settore si invita però alla cautela.
Ma non solo: parole di apprezzamento sono arrivate anche dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, a margine di un convegno sulle infrastrutture organizzato dal Pd: “Certamente l'imposizione fiscale sulla prima casa e' uno degli elementi critici segnalati da tutte le associazioni di categoria. Fare previsioni e' difficile ma sicuramente un di sollievo al settore dell'edilizia verrà dato, insieme ad altre misure sul settore".

Tag annuncio: imu, matteo renzi, imu 2016, tasi 2016, immobildream, roberto carlino

DETTAGLI ARTICOLO
COSA: Finanza, Economia e Lavoro;