Skipperclub: In barca a vela verso le Isole Incoronate


inserito da redazioneskipperclub in data 03-03-2016


Navigare tra isolotti e scogli disabitati a largo della Croazia vi darà l’impressione di essere in un vero e proprio Paradiso terrestre
La Croazia negli ultimi quindici anni si è imposta senza ombra di dubbio tra le mete preferite per chi ama il mare. Facile da raggiungere, è perfetta anche per quella fetta di turisti che si spostano in barca a vela e vogliono sentirsi indipendenti, ma soprattutto privilegiati. A pochi chilometri a Est delle coste marchigiane, infatti, il Mar Adriatico è tempestato di isole, isolotti e semplici scogli che tutti insieme (esattamente 152) formano un affascinante arcipelago, il più numeroso di tutto il bacino Mediterraneo. Il Parco Nazionale Kornati, in italiano “le isole Incoronate”, è invece composto da 89 di queste 152 isole. La particolarità delle “Incoronate” è che non sono abitate permanentemente: in quelle più ospitali, infatti, esistono solo le abitazioni usate dai croati per le vacanze, ma durante il resto dell’anno è molto difficile incontrare qualcuno.
E questo fa dell’arcipelago a largo della Dalmazia un luogo ambitissimo da chi è a caccia di relax totale, via dalla movida e dal caos che invece si può trovare a Hvar o a Pag, dove ogni anno migliaia di giovani dai 18 ai 30 anni si riversano per frequentare rinomate discoteche e locali sulla spiaggia.
Le Isole Incoronate sono perfette, come dicevamo, per chi sceglie una vacanza in barca a vela e magari ama anche fare immersioni: il mare che le circonda, nei suoi punti più profondi, raggiunge i 100 metri. Ma bisogna fare attenzione ai punti in cui si nuota, per esempio nelle vicinanze dell’isoletta Taljiuric, dalla conformazione estremamente piatta e spesso sotto il livello dell’acqua. Interessante passare per Mala Proversa, una strettoia non troppo profonda dove è possibile scorgere la testimonianza della civiltà che un tempo popolava l’arcipelago: tra gli isolotti di Dugi Otok e Katine, infatti, ci sono i resti lunghi 90 metri di un edificio d’epoca romana.
Un consiglio molto prezioso che ci sentiamo di dare ai viaggiatori a vela è di fare tappa sulla terraferma a Sebenico, la Genova della costa croata, perché i suoi palazzi e i suoi vicoli ricordano moltissimo il capoluogo ligure. D’altronde la fortissima presenza di numerose comunità italiane. Sebenico ha vissuto la dominazione italiana a più riprese: dal 1322 al 1357 sotto la Repubblica di Venezia, poi ancora dal 1421 fino al 1797 e infine in epoca molto più recente nel biennio 1941-43, quando fu incorporata dalla provincia di Zara.

Posted by Valerio Valeri
Redazione SkipperClub.it
via A,Manzoni, 56 20900 Monza
tel. +39039946609
redazione@skipperclub.it
Per ulteriori informazioni: info@skipperclub.it

Tag annuncio: vacanze, incoronate, ecologia, croazia, weekend, barcavela

DETTAGLI ARTICOLO
COSA: Vacanze e viaggi;