Skipperclub: Viaggiare a vela nel Mar Egeo: alla scoperta di Andros, perla delle Cicladi


inserito da redazioneskipperclub in data 03-03-2016


E’ la seconda per estensione, una delle più selvagge e meno turistiche dell’arcipelago greco. Meta per gli stessi greci e per gli inglesi, sfugge a ogni cliché e fa dell’ecosostenibilità e del rispetto per l’ambiente due punti fermi ampiamente condivisi.
Scegliere la Grecia come meta delle proprie vacanze estive è sicuramente una mossa vincente. La culla della civiltà occidentale, anche se con un tessuto sociale attualmente devastato dalla pesantissima crisi economica, rimane uno dei paesi più affascinanti, accoglienti e contemporaneamente misteriosi del mondo. Saranno i ricordi del liceo, l’immagine rilassata che proiettano i villaggi costieri adagiati su colline brulle baciate dal sole, saranno i sapori mediterranei inconfondibili e insuperabili, ma la Grecia esercita un fascino fortissimo e come un magnete attira milioni di viaggiatori ogni anno. Soprattutto verso le Cicladi, arcipelago di 220 isole di cui venti sono le principali, le più popolate e visitate.
Tra queste, per chi di voi preferisse viaggiare a vela nel Mar Egeo, consigliamo vivamente Andros. Per estensione è la seconda, di sicuro è la più settentrionale e vicina al continente. È anche la più tranquilla: nulla a che vedere con Mykonos e Santorini, dove la movida e le notti insonni raggiungono livelli che superati i 25 anni diventano davvero difficili da sostenere senza ripercussioni. Siamo sicuri che nulla sarà più appagante di arrivare in barca a vela al porticciolo di Batsi, con la sua forma ad anfiteatro e la sua brulicante semplice vita che lo anima fino a sera, oppure a quello di Gavrio a nord-ovest, dove il lungomare offre diversi ristoranti tipici che fanno del “chilometro zero” una ragione di esistere: potreste imbattervi in una moussaka fatta con le melanzane dell’orto o assaggiare altri deliziosi formaggi prodotti da contadini del luogo.
L’energia elettrica di Andros è tutta frutto di un impianto eolico, mentre il fiore all’occhiello dell’isola è sicuramente la sua acqua purissima e leggera, più di qualsiasi altra acqua minerale in vendita nei nostri comuni supermercati. E il dato sorprendente è che non cercano di imbottigliarla e venderla a chiunque, ma la offrono come fosse il gesto più naturale del mondo. Arrivare in barca a vela in questo angolo di Paradiso terrestre significa godere di spiagge spesso isolate e poco frequentate come Achla, Vori e Ateni. Luoghi difficili da raggiungere, collegati da vere e proprie mulattiere o incastrati a mille metri giù per la scogliera. Ma per chi viaggia a vela, top della vacanza ‘green’ ed ecosostenibile, raggiungere queste spiagge sarà un gioco da ragazzi. Ma soprattutto, una soddisfazione ineguagliabile.

Posted by Valerio Valeri
Redazione SkipperClub.it
via A,Manzoni, 56 20900 Monza
tel. +39039946609
redazione@skipperclub.it
Per ulteriori informazioni: info@skipperclub.it

Tag annuncio: vacanze, turismo, ecologia, cicladi, weekend, barcavela

DETTAGLI ARTICOLO
COSA: Vacanze e viaggi;