"Dalla valvola allo smartphone, i computer che hanno fatto la storia": torna a bit of [hi]story.


inserito da mosquitoman81 in data 04-05-2017


Il sottotitolo dell'evento cita : "Dalla valvola allo smartphone, i computer che hanno fatto la storia". Tutto questo, e ben altro, è a bit of [hi]story, il festival dell’innovazione organizzato dall’associazione culturale Museo Piemontese dell’Informatica.

Giunto ormai alla sua seconda edizione, l’evento si terrà presso lo Spazio MRF a Mirafiori il 13 e 14 maggio e coinvolgerà persone, aziende, istituzioni, speaker e startup in più di trenta attività.

“Conoscere il passato, per comprendere il presente e immaginare il futuro" – spiega Elia Bellussi, fondatore e presidente del Museo Piemontese dell’Informatica – "è la via per poter vivere attivamente il cambiamento. Con “A bit of [hi]story“, vogliamo raccontare quali sono stati e quali saranno i piccoli, grandi cambiamenti del quotidiano dovuti all’uso dell’informatica e delle tecnologie derivate, nella vita di tutti i giorni. Con “A bit of [hi]story” contribuiremo ad arricchire le attività in ambito educational per le nuove generazioni”.

Per l'evento sono già previsti:

- 28 espositori: saranno presenti l’European Society for Computer Preservation dalla Svizzera, il Museo dell’Informatica Funzionante di Palazzolo Acreide (Sicilia) ma anche dall’azienda Sistemi, che esporrà la sua collezione privata appena riallestita per i 40 anni dell’azienda. In parallelo verrà dato risalto, esponendoli, a progetti di studenti, scuole, università, startup e aziende che presenteranno prodotti ed elaborati come quelli del Liceo Artistico Cottini i cui studenti hanno realizzato opere legate alle donne e alle scienze, di Yamgo che presenta la sua app per il turismo o RecTV che presenta il suo prototipo di kit per videoriprese e foto. Di particolare interesse la partecipazione della galleria d’arte Opere Scelte con opere a tema di artisti di fama internazionale perché l’informatica non è solo qualcosa di freddo ma è legata anche alle opere d’arte.

- 25 interventi: più di venticinque relatori di fama nazionale e internazionale presenteranno interventi su molteplici argomenti dalla storia dell’informatica, alle bufale in rete, alla cultura digitale in generale. Tra gli altri, Paolo Attivissimo parlerà della diffusione in rete di notizie false, il blogger Alessandro “Dottor Manhattan” Apreda terrà un intervento sulla diffusione dell’informatica personale negli anni ‘80, l’autrice di fumetti Sidney Padua illustrerà la sua opera su Ada Lovelace, Francesco Lanza che racconterà la storia di Internet con una veste del tutto nuova.

- 5 laboratori: fitto il programma anche qui, con laboratori di avvicinamento all’informatica, di coding e di robotica. Si partirà con il CoderDojo, un movimento senza scopo di lucro, il cui intento è l’apprendimento del pensiero computazionale per i più piccoli. Previsto anche l'HotBlack Robotics con un laboratorio di robotica e IoT e il Restart Party, evento ispirato ai laboratori più famosi di Londra (itineranti e di 3 ore organizzati in spazi comunitari della città, in cui volontari con competenze tecniche aiutano i londinesi a riparare e fare manutenzione a prodotti di elettronica di consumo).

E' possibile visionare il programma completo all'indirizzo web: http://abitofhistory.it/programma/
L'accesso alla manifestazione è gratuito.

Fonte: https://www.linkedin.com/pulse/bit-history-maggio-un-tuffo-nel-passato-giovanni-forlastro

Tag annuncio: torino, eventi, computer, smartphone, tecnologia

DETTAGLI ARTICOLO
COSA: Tecnologia;