HIV, MENO FARMACI PER UNA VITA NORMALE DEI PAZIENTI


inserito da Renail87 in data 27-09-2019


Tutti i progressi nella ricerca per la cura dell’HIV saranno illustrati dagli specialisti dell’Ospedale Cotugno nel corso del III Workshop Nazionale “Hot Topics in Infettivologia” di Napoli. Il nosocomio, vera eccellenza campana nel trattamento delle malattie infettive, è centro di riferimento regionale per meningiti ed encefaliti cui fanno riferimento anche gli altri ospedali della zona. Dalla mortalità certa degli anni ’80 alle cure attuali con somministrazioni sempre più distanziate nel tempo, le nuove terapie dell’HIV sono compatibili con i farmaci presi da pazienti avanti negli anni, sono molto meno tossiche e garantiscono una miglior qualità della vita al paziente oltre ad avere una aspettativa di vita uguale a quella di chi non è malato. Inoltre la terapia, seguita correttamente per un congruo periodo di tempo, ha comportato una riduzione del rischio di trasmissione dell’infezione al partner a livelli trascurabili, migliorando così la vita di relazione sociale e familiare”. Resta l’allarme per il calo dell’attenzione e la poca informazione soprattutto tra i giovani.

Terapie sempre più vicine alle esigenze del paziente, meno farmaci da assumere quotidianamente, meno effetti collaterali e uno stile di vita “normale”, quasi uguale a quello di chi non è sieropositivo. Sono le nuove frontiere della ricerca sull’HIV di cui si parla a Napoli in occasione del III Workshop Nazionale “Hot Topics in Infettivologia” che si svolgerà il 26-27 settembre (Hotel Royal Continental). Scopo del convegno è la presentazione delle più significative novità nel campo delle malattie infettive ad un pubblico di specialisti interessati. La ricerca infatti ha fatto passi da gigante e con le terapie attuali l’aspettativa di vita di chi è sieropositivo è quasi sovrapponibile a quella di chi non ha contratto l’infezione; inoltre le molecole a disposizione oggi riducono quasi a zero gli effetti tossici nel lungo periodo e hanno diminuito drasticamente il numero di farmaci da assumere. Se con l’attuale standard terapeutico infatti le persone con HIV assumono tre o quattro farmaci ogni giorno, il presente è già caratterizzato dal regime a due farmaci -noto con la sigla internazionale 2DR- ed il futuro si annuncia particolarmente interessante, grazie alla presenza di studi molto avanzati per associazioni a due farmaci da somministrare per via intramuscolare ogni 1-2 mesi. Centrale, in ogni caso, è il ruolo dell’Infettivologo, attore principale nelle scelte diagnostiche e terapeutiche sia a livello ospedaliero che territoriale.



“Questo convegno spazierà su tutte le problematiche dell’infettivologia – afferma Rodolfo Punzi, Direttore Dipartimento Malattie infettive e Urgenze Infettivologiche: dall’HIV alle patologie epatiche fino ai trapianti di fegato, dalla cura per la tubercolosi all’antibioticoterapia e all’antibioticoresistenza. Cinque divisioni coinvolte nel convegno, per dimostrare la grande sinergia esistente nella nostra struttura. La nostra specializzazione sull’HIV è altissima, il nostro laboratorio di microbiologia è un vero centro di eccellenza, tecnologicamente avanzatissimo, che funziona h24 e che dà risposte anche alle richieste provenienti dagli altri ospedali della regione. Sull’HIV abbiamo un servizio di ospedalizzazione domiciliare e un servizio per la profilassi pre e post-esposizione che può interessare sia le coppie discordanti con un partner sieropositivo e uno negativo, sia chi ha atteggiamenti che potrebbero rivelarsi sessualmente a rischio”.



Per comprendere questo fenomeno con gli occhi di oggi serve capire cosa sta accadendo, quali sono i comportamenti e quindi i numeri reali. “A livello nazionale – spiega Vincenzo Sangiovanni, direttore U.O.C. Infezioni sistemiche e dell’immunodepresso – l’infezione da HIV non dà segni di flessione perché purtroppo la soglia di attenzione calata rispetto agli esordi della malattia. In Italia registriamo 3500-4000 nuovi casi all’anno; in Campania solo nell’ambito del Polo Infettivologico rappresentato dall’Azienda dei Colli e dal Complesso Ospedaliero Cotugno seguiamo circa 2200 pazienti e registriamo 100-120 nuovi casi annui. Nelle altre strutture ospedaliere ne registriamo nel complesso circa 50-60. Purtroppo, in più del 30% dei casi, i pazienti si presentano già con una malattia avanzata dato che l’infezione si manifesta in modo silenzioso e subdolo. Anche se la malattia è trasversale, i più a rischio sono i soggetti con una attività sessuale libera e promiscua, soprattutto tra i giovani che sono completamente disinformati sulla problematica. Per questo è fondamentale l’attività di prevenzione, formazione e informazione. Per esempio da noi è possibile fare il test di screening per l’infezione da HIV nel più totale anonimato, in maniera gratuita, senza prenotazione e senza impegnativa del medico curante, insieme a molti altri servizi e counselling”.



Sono decisamente lontani gli anni in cui la malattia, che aveva colpito icone mondiali, veniva definita la “peste del 2000”, poiché non lasciava scampo e condannava i pazienti ad un destino di morte in solitudine ed emarginazione. “In Italia la malattia è arrivata nella metà degli anni ’80 – conferma Elio Manzillo, Direttore U.O.C. Immunodeficienze e malattie dell’emigrazione –. I primi farmaci con cui siamo riusciti a fronteggiarla nella seconda metà degli anni ’80 sono stati gli NRTI che ancora oggi sono utilizzati. Negli anni ’90 sono arrivati gli inibitori della proteasi, con cui siamo riusciti ad evitare la progressione e la morte del paziente, anche se il numero di pillole e gli effetti collaterali erano molto tossici. Le cure attuali hanno migliorato la qualità della vita delle persone affette da infezione da HIV grazie a terapie antiretrovirali con numero ridotto di farmaci rispetto a quelle utilizzate in precedenza, terapie di combinazione STR che prevedono una sola compressa al giorno con efficacia e potenza elevatissime ed effetti collaterali minimi. La conseguenza di tutto questo è che la mortalità da HIV oggi è crollata al punto che oggi muore solo chi non sa di avere l’HIV o chi non si sottopone regolarmente alla terapia”.



“Le numerose e recenti acquisizioni scientifiche– conclude Vincenzo Esposito, Direttore U.O.C. Immunodeficienze e Malattie Infettive di Genere – hanno dunque drasticamente modificato l’aspetto dell’infezione da HIV, trasformandola da una patologia letale ed invalidante ad una patologia cronica. Considerato che i progressi scientifici in merito alla terapia antiretrovirale sono avvenuti in un arco temporale relativamente breve, ci si trova davanti ad una sorta di miracolo scientifico. Negli anni ’80 la mortalità era del 100 per cento, ora grazie alle nuove terapie il paziente presenta una aspettativa di vita paragonabile a quella della popolazione generale. Non solo. Al centro c’è la gestione ottimale di una terapia oggi molto semplice da assumere, nella maggior parte dei casi costituita da una singola compressa con tre differenti principi attivi, da assumere una sola volta al giorno, senza modificare le abitudini di vita, gli orari di lavoro o dei pasti. Recenti studi scientifici hanno dimostrato, inoltre, la possibilità di raggiungere questi stessi effetti terapeutici con la somministrazione di solo due principi attivi (2DR), la cui co-formulazione in una singola compressa sarà a breve disponibile, nonché la prospettiva di utilizzare formulazioni long-acting, da somministrare per via intramuscolare ogni uno-due mesi, già in avanzato stato di sperimentazione e ad oggi rese disponibili dall’azienda farmaceutica che ne concede l’uso in maniera compassionevole, cioè in casi selezionati di pazienti con ridotte alternative terapeutiche”.



- Approfondimento



Oltre all’HIV naturalmente sono molte altre le problematiche cui si deve fare fronte nell’ambito dell’infettivologia. “Da sempre – riprende il prof. Punzi – il Cotugno è in prima linea sul territorio con tutte le divisioni: siamo il centro di riferimento in Campania per il trattamento dell’epatite acuta fulminante in rete con il Cardarelli per la terapia trapiantologica. Ricordo inoltre che abbiamo trattato con 4300 pazienti sin dal 2015, anno dell’immissione in commercio dei nuovi farmaci anti epatite e che nel nostro presidio ospedaliero è presente una unità operativa complessa di eco-interventistica per il trattamento dei tumori primitivi e secondari del fegato. Collaboriamo con il Monaldi per patologie cardiache correlate alle infezioni dei devices intracardiaci, siamo il centro di riferimento regionale per meningiti, encefaliti e malattie infettive respiratorie come la tubercolosi. Inoltre, apriremo a breve un centro vaccinale per i pazienti fragili, per esempio quelli affetti da HIV per le vaccinazioni raccomandate dal piano vaccinale Nazionale, perché con loro si crea un rapporto quotidiano e da noi possono godere di maggior tranquillità e riservatezza”.





Riservatezza e assistenza di cui questi pazienti hanno assolutamente bisogno. “Ad esempio durante il colloquio precedente il prelievo ematico – spiega il prof. Sangiovanni – il paziente viene informato sulla modalità di trasmissione, sul rischio effettivo di trasmissione dell’infezione a seconda del fattore di rischio dichiarato, sulla tempistica per i successivi eventuali controlli e su come ridurre al minimo il rischio di infezione, educando I pazienti ad avere comportamenti sessuali più sicuri. Entro 2-3 giorni i risultati del test sono pronti e sono consegnati direttamente al paziente che è contraddistinto solo da un codice alfanumerico. Il nostro personale è preparato anche nel sostenerlo nel momento in cui il test risultasse positivo per infezione da HIV; in questo caso viene subito preso in carico ed indirizzato in 7-10 giorni verso la terapia più indicata dato che studi clinici internazionali hanno dimostrato che prima si sopprime la carica virale e migliore è l’outcome del paziente”.



“I nuovi farmaci – prosegue il prof. Manzillo – hanno ridotto enormemente il potere infettante e soprattutto hanno ripristinato le difese immunitarie del paziente colpito da HIV. Quest’ultimo aspetto è rilevante se consideriamo che la malattia colpisce tutti in quanto legata alla trasmissione per via sessuale, e che oggi trattiamo anche pazienti over 50 e 60 che assumono farmaci per altre patologie. Se consideriamo che un soggetto cardiopatico o diabetico prende tre quattro o più compresse al giorno il paziente con infezione da HIV può arrivare a prenderne una o due al giorno. Inoltre, i farmaci di cui disponiamo possono essere assunti con poche e gestibili o assenti interazioni con altri farmaci. Il sessantenne diabetico e/o cardiopatico può prendere i farmaci antiretrovirali sotto controllo dell’infettivologo”.



“Inoltre – conclude il prof. Esposito – non dimentichiamo che il fine ultimo della nostra attività medica è garantire che i portatori di questa infezione abbiano una buona qualità di vita. Inoltre la terapia, seguita correttamente per un congruo periodo di tempo, ha comportato una riduzione del rischio di trasmissione dell’infezione al partner a livelli trascurabili, migliorando così la vita di relazione sociale e familiare”.

Ufficio stampa

Tag annuncio: Nessuno

DETTAGLI ARTICOLO
COSA: Medicina e Scienza;