Come proteggere bambini e ragazzi dalle minacce del Web: i 5 consigli degli esperti di cyber sicurezza Sophos


inserito da cdovere in data 07-05-2020


In tempi di lockdown, aumentano le ore trascorse online per studiare, giocare e restare in contatto con gli amici. E i cybercriminali ne approfittano.

L’emergenza COVID-19 ha cambiato drasticamente le abitudini di tutti: non solo nel mondo nel lavoro ma anche in ambito scolastico. La didattica a distanza e la necessità di sostituire, almeno in parte, le tradizionali lezioni connettendosi a piattaforme e comunicando sempre di più via Web, hanno comportato un sensibile aumento del tempo trascorso online da bambini e ragazzi.

Non solo studio: i più giovani navigano soprattutto per scambiare messaggi con gli amici via  WhatsApp, Skype, Viber o Messenger (92% tra i 14 e i 17 anni), o utilizzando le applicazioni online anche per chiamare e videochiamare (81%). Sono molti meno i giovani che usano il web per leggere giornali o riviste online (circa 40%) mentre aumenta l’intrattenimento su piattaforme di gaming e streaming, che vede Netflix, Amazon Prime Video e Disney+ incrementare i propri abbonati.

Se da un lato il Web offre molte risorse utili per rendere più sopportabili le giornate di lockdown, dall’altra non vanno sottovalutati i rischi di un utilizzo imprudente e non controllato di piattaforme di messaging, siti di gaming e social networks.

Quali rischi per i più giovani?

Internet nasconde molte trappole per bambini e ragazzi, motivo per cui vengono implementate norme sulla privacy più rigorose per proteggere i minori online. Esiste il pericolo che i giovani possano avviare conversazioni con estranei sui social media. Ciò può comportare la condivisione di dettagli personali, mettendoli in pericolo. Un altro fenomeno ormai conclamato è il cyberbullismo che, sfruttando l’anonimato offerto da Internet, negli ultimi tempi ha provocato episodi di gravi molestie online.

Avendo un accesso illimitato e non controllato a Internet, i più giovani potrebbero imbattersi in contenuti inappropriati o accedere a siti Web malevoli che possono infettare il PC con malware, fornendo ai criminali informatici l'accesso a informazioni sensibili con conseguente violazione dei dati.

5 consigli per un utilizzo sicuro del Web

Sophos, azienda leader nella sicurezza di ultima generazione, ha stilato la lista di 5 consigli per rendere la rete più sicura, sia per i ragazzi che per i genitori:

1. Parola d’ordine: confronto. E’ importante spiegare ai più giovani i comportamenti da tenere e quelli da evitare sul Web e metterli al corrente di rischi che potrebbero correre online. I giovani sono molto preoccupati ma anche molto curiosi in merito al coronavirus e al suo impatto sulla loro comunità e sul mondo. E utilizzano Internet per informarsi e comprendere meglio la situazione in cui si trovano ma anche per combattere la noia. Essere onesti sui rischi che possono trovare navigando in rete darà loro gli strumenti adeguati per difendersi.
2. Controllare i siti a cui accedono e il tipo di canali di intrattenimento che visitano di frequente. Questo aiuterà a rimanere sempre aggiornati sulle loro abitudini di navigazione e consentirà di intervenire qualora vengano riscontrate situazioni di pericolo.
3. Proteggere il PC con il Parental Web Control: è opportuno implementare una soluzione antivirus che vada oltre le opzioni tradizionali per offrire una protezione completa contro il malware avanzato, come ransomware o attacchi di phishing. Sophos Home, scaricabile gratuitamente dal sito dell’azienda, è dotato di Filtro web per i minori che consente di controllare i contenuti on-line visualizzabili dai bambini. Basta selezionare le categorie del filtro a seconda che siano contenuti per soli adulti, contenuti potenzialmente inappropriati o blog e siti di social network.
4. Impostare accuratamente il Parental Web Control: Avere il Parental Web Control non è sufficiente, è fondamentale disporre di funzionalità mirate che aiutino a controllare ciò che i propri figli possono visualizzare online e ciò che invece devono evitare. Per questo motivo è consigliabile selezionare le categorie di filtro corrette. Le proverbiali "chiavi del regno" dovrebbero essere sempre nelle tue mani.
5. Social networks: maneggiare con cura: è importante spiegare ai ragazzi che è molto difficile rimuovere in modo affidabile qualcosa da Internet, una volta condiviso e che online valgono le stesse regole che seguono nella loro vita quotidiana, in famiglia, a scuola e con gli amici. Un modo semplice ed efficace per insegnare ai più giovani ad assumersi le conseguenze di ciò che condividono e commentano online è farglielo dire a voce alta: se è una cosa che non direbbero mai nella vita reale guardando in faccia un’altra persona…allora non dovrebbero dirla nemmeno in un contesto virtuale.

Tag annuncio: Sophos,

DETTAGLI ARTICOLO
COSA: Tecnologia;