Riprendi il controllo dei tuoi social media con l’aiuto di Avast


inserito da egiuliano in data 30-11-2020


I social media sono entrati in scena proprio nello stesso periodo dello smartphone e la combinazione dei due si è rivelata irresistibile. Eravamo come bambini con un nuovo giocattolo; volevamo di più, di più, di più. E, come i bambini, non pensavamo davvero alle conseguenze. Ma oggi, a più di 13 anni dal rilascio dell’iPhone e 16 anni dal rilascio di Facebook, i consumatori sono più consapevoli di ciò che abbiamo “pagato” per i social media “gratuiti”: la nostra privacy.
“Ci hanno offerto cose gratuitamente e abbiamo pensato che fossero davvero gratis”, afferma Petra Moravcová di Avast. “Ma stavamo pagando con la cosa più preziosa. I nostri dati.”
L’accumulo di così tanti dati per così tanto tempo ha portato molti di noi a sentirsi un po ‘… rassegnati. Cosa possiamo fare di fronte a Big Tech? Hanno le informazioni. Non sto facendo niente di sbagliato. Che importa?
Come millennial io stessa – ero una matricola al college l’anno in cui è stato lanciato Facebook e non ho ricevuto il mio primo cellulare fino all’anno successivo – capisco questa prospettiva. È qualcosa che ho provato di persona. Ma mentre mi sono tuffata più a fondo nel mondo della sicurezza e della privacy online, mi sono resa conto che non solo abbiamo più potere di quanto pensiamo quando si tratta di chi ha i nostri dati e cosa ne fanno, ma anche che non possiamo permetterci di essere colti alla sprovvista come eravamo quando i social media sono apparsi per la prima volta.
Quindi come imparare dai nostri errori e prepararci per qualunque cosa accadrà d’ora in poi? Primo: investendo solo in società che si interessano attivamente della nostra privacy.
Moravcová offre alcuni suggerimenti su come garantire che i prodotti e i servizi che utilizzi in futuro tengano effettivamente conto della tua privacy. Moravcová afferma che un’azienda che si preoccupa veramente della privacy non sarà solo a favore della privacy, ma metterà anche la privacy al centro dei suoi prodotti.
Un grande esempio contemporaneo? Apple. Con il rilascio del sistema operativo Catalina, Apple ha portato il proprio impegno per la privacy e la sicurezza a un livello superiore. Dal dare alle persone la possibilità di condividere solo determinate foto con le loro app di social media, passando all’avvisarti di password deboli fino al costringere le app a chiedere il permesso quando vogliono accedere a dati potenzialmente privati, Catalina è la prova che Apple sta scegliendo la via giusta.
In futuro, Moravcová vorrebbe anche vedere etichette di avvertenza sui prodotti tecnologici simili a quelli che si trovano sulle sigarette. Crede che un promemoria visivo sempre presente su ciò che i social media possono fare per la salute mentale delle persone potrebbe aiutare a ridurne la nostra “dipendenza”. Potrebbe anche, suggerisce, far riflettere i genitori due volte prima di concederli ai loro bambini o lasciare che li usino da soli.
E, infine, Moravcová afferma che “c’è qualcosa che può davvero aiutare”, ovvero l’intervento dei governi che stabiliscano norme su ciò che le aziende possono e non possono fare con i nostri dati. Indica il GDPR in Europa e il California Consumer Privacy Act negli Stati Uniti come esempi dei primi passi compiuti in quella direzione. Piuttosto che lasciare l’onere di proteggere la nostra privacy agli utenti, afferma Moravcová, è tempo che i governi intervengano.

Tag annuncio: Avast, social media, privacy

DETTAGLI ARTICOLO
COSA: Notizie di Cronaca;