Giancarlo Cerri. Le sequenze astratte 1995-2005


inserito da Dea.press in data 07-10-2021


All’interno del progetto espositivo “The Art of two Generations” al Museo Italo Americano di San Francisco Giancarlo Cerri presenta dal 22 ottobre 2021 al 20 febbraio 2022 la mostra “Le sequenze astratte. 1995-2005”, una selezione di 20 opere che riflettono pienamente la ricca personalità pittorica dell’artista e che ne evidenziano la perfetta sintesi raggiunta attraverso l’uso di soli due o tre colori (soprattutto i “primari”) contrapposti a neri elaborati: immagini che hanno caratterizzato più di un ventennio di lavoro di Giancarlo Cerri, che non ha mai smesso di pensare la pittura, anche quando nel 2005 una grave forma di maculopatia lo ha costretto a smettere di dipingere per oltre dieci anni.
Venti opere per raccontare un decennio di attività del pittore Giancarlo Cerri, nato a Milano negli anni Trenta. In mostra il periodo delle “Sequenze”, il più intenso e che rappresenta il raggiungimento dell’astrazione dopo diversi anni di ricerca, prima figurativa (dagli anni Sessanta agli Settanta) e poi informale (anni Ottanta e primi anni del successivo decennio).
Alla metà degli anni ’90 l’artista compone i primi quadri sintonizzati su neri elaborati che si contrappongono ad un solo colore, preferibilmente primario, talvolta interrotti da una sottile striatura bianca a dividere quasi in due parti esatte la tela, una sorta di “graffio” realizzato con la punta della spatola nel colore ancora fresco, a creare quella vibrazione finemente materica che interrompe le due larghe campiture.
Orizzontali o verticali, le “Sequenze” rappresentano il punto di arrivo di estrema sintesi del percorso di Giancarlo Cerri, laddove la pittura si esprime e si mostra per ciò che è realmente, e diventa lei sola la protagonista.
Tuttavia, se nella linea di demarcazione che separa le due campiture orizzontali si scorge un remoto nesso con l’idea del paesaggio, nella concezione verticale il pensiero astratto diviene assoluto, perentorio, definitivo. Ciò si presenta con ancor più forza nei quadri di ampia dimensione, come nelle due “Grandi Sequenze” del 2001 presenti in mostra, laddove la pittura, saggiamente calibrata sul gioco delle campiture, rivela tutta la sua forza emotiva, senza esigenza alcuna di narrare.
Tra le opere esposte anche alcune “Sequenze nere”, realizzate tutte nel 1999 con poche righe di colore messe in contrasto con il nero lavorato sottostante, dove la monocromaticità diviene quasi assoluta e la pittura si fa ancor più misteriosa e segreta.
Da sempre punto cardine della sua pittura, riferendosi alla tavolozza di Giancarlo Cerri non bisogna mai parlare di Nero ma di Neri, al plurale, perché sempre elaborati, spesso con il colore che gli va incontro dall’altra parte della tela, come rossi, verdi, gialli e blu, che si nascondono e fanno palpitare il quadro.
Infine, in due delle opere selezionate (“Croce su fondo giallo” e “È sempre l’ora della croce”, rispettivamente del 2003 e 2005) l’accenno alla tematica sacra è tutta nell’immagine della croce, che per l’iconografia cristiana rappresenta il simbolo del sacrificio estremo.
Una memoria medievale o prerinascimentale, che qui, nella consueta sintesi che contraddistingue la ricerca del pittore, riaffiora aggiornata nel taglio d’immagine adatto all’uomo contemporaneo e alla sua tensione spirituale, spogliata del racconto e intonata sulla forza del simbolo.

Ufficio stampa mostra
De Angelis Press, Milano | t. 345 7190941 | info@deangelispress.com


Tag annuncio: sequenze, astratto, pittura, USA

DETTAGLI ARTICOLO
COSA: Arte, Spettacoli e Cultura;