Lampade a LED: come si è arrivati a risparmiare così tanto?


inserito da traveller in data 15-05-2014


LED è l'acronimo di Light-Emitting Diode, diodo a emissione luminosa.
Da tempo, ormai, è la sigla che individua la nuova tecnologia di lampade
ad alto risparmio energetico.

I primi esperimenti sull'elettroluminescenza risalgono al 1907, nel
laboratori del Marconi Labs, utilizzando un cristallo di carburo di
silicio ma pare che al russo Oleg Losev vada riferita la creazione del
primo LED, nel 1927. Non vi fu alcun utilizzo pratico, però, della
scoperta, nei decenni successivi.

Nel 1955 fu Rubin Braunstein, della Radio Corporation of America, a
riprendere gli esperimenti con grandi progressi sulla luce emessa.

Nel 1961, R. Biard e Gary Pittman, della Texas Instruments Inc., misero a
punto uno schema basato su un diodo che emetteva luce a infrarossi quando
veniva applicata una corrente elettrica.
L'anno successivo, l'8 agosto 1962, Biard e Pittman depositarono un
brevetto dal nome "diodo semiconduttore Radiant".

Dopo aver analizzato il lavoro della GE Labs, la RCA Research Labs, la IBM
Research Labs, la Bell Labs e la Lincoln Lab del MIT, l'ufficio brevetti
statunitense ha assegnato ai due inventori il primo brevetto per il LED a
luce infrarossa (IR) US Patent US3293513, il primo LED dell'era moderna.

Subito dopo il rilascio del brevetto, la Texas Instruments ha iniziato un
progetto per la produzione di diodi infrarossi e ha annunciato il primo
prodotto commerciale a LED nel mese di ottobre 1962, SNX-100.

Il primo LED a luce visibile (era una luce rossa) fu sviluppato nel 1962
da Nick Holonyak Jr. , mentre lavorava alla General Electric Company.
Holonyak è considerato da alcuni come il "padre del LED".

M. George Craford, un ex studente laureato di Holonyak, ha inventato il
primo LED giallo e migliorato la luminosità del LED rosso e rosso-arancio
di dieci volte nel 1972.

Nel 1976, TP Pearsall ha creato i primi LED ad alta luminosità ed alta
efficienza per fibre ottiche inventando nuovi materiali semiconduttori
appositamente calibrati alle lunghezze d'onda di trasmissione in fibra
ottica.

I primi LED sono stati spesso utilizzati come spie per i dispositivi
elettronici, sostituendo le piccole lampadine a incandescenza.
Furono ben presto confezionati in in forma di display a sette segmenti per
la rappresentazione di numeri e ben presto impiegati negli orologi
digitali.

Solo recenti sviluppi permettono ai LED di essere utilizzati
nell'illuminazione ambientale. Tuttavia una lampada a LED sufficientemente
potente per illuminare una stanza risulta ancora relativamente costosa e
richiede una più precisa gestione della corrente e della dissipazione del
calore rispetto alle compatte sorgenti luminose fluorescenti di potenza
comparabile .

I LED hanno molti vantaggi rispetto sorgenti luminose ad incandescenza,
tra cui un minore consumo di energia, maggiore durata, una maggiore
robustezza fisica, dimensioni più piccole e la commutazione veloce
nell'accensione e nello spegnimento.

Diodi emettitori di luce sono ora utilizzati in applicazioni diverse come
l'illuminazione aerea, fari automobilistici, pubblicità, illuminazione
generale e segnali stradali.

SeoSensor
seosensor@gmail.com

Tag annuncio: LED, Lampade a LED, risparmio energetico, Blog LED, Luce a led, risparmiare

DETTAGLI ARTICOLO
COSA: Tecnologia; DOVE: Italia;